FacebookTwitter

SITI AMICI

Stampa Email
20 Gen 2011

NOME: Carmen

COGNOME: Sacco

UNIVERSITA' PRESSO LA QUALE SI E' DISCUSSA LA TESI DI DOTTORATO: Università di Napoli L'Orientale

ANNO DI DISCUSSIONE DELLA TESI: 2009

TITOLO DELLA TESI: Lavorare al Banco di Napoli (1896-1926). Donne e uomini in ufficio

TUTOR: Marina d'Amelia, Daniela Luigia Caglioti

BREVE ABSTRACT (NON PIU' DI DIECI RIGHE) DELLA TESI, EVIDENZIANDO QUALI ASPETTI RELATIVI ALLE PROBLEMATICHE DI GENERE SONO STATI TRATTATI:

Napoli 1899. Carlo Soria, direttore dell'ufficio di scrittura a macchina - casa di distribuzione della The Empire dà in prova alla direzione generale del Banco di Napoli una macchina da scrivere "corredata" di "signorina addetta alle istruzioni". L'Istituto napoletano compra la macchina e assume la donna. Giovani dattilografe provette, magnificando la pratica acquisita nell'ufficio di Soria, fanno così domanda di assunzione al Banco. Ma alle prime pochissime impiegate addette alla sola mansione della "copiatura a macchina della corrispondenza", segue presto un numero più rilevante di "signorine" adibito con cumulo di funzioni allo stesso lavoro degli ausiliari avventizi di sesso maschile. Il Banco di Napoli, così come si era chiamato ufficialmente l'ex Banco delle Due Sicilie dal gennaio 1862, pare mantenga nei fatti la struttura burocratica del "crollato" Regno dei Borboni. E la presenza femminile sembrerebbe favorire quel meccanismo di autorinforzo dei vecchi schemi organizzativi dell'Istituto.

Licenza Creative Commons   Questo sito è sottoCreative Commons License. Alcuni diritti riservati.

webdesigner: SABRINA INNOCENTI

Copyright © 2019 www.societadellestoriche.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
o37lc8 - vx2181 - 1su32j - mh951h - ej5jjc - gol9kz - g4je7g - qnls6r