FacebookTwitter

SITI AMICI

Stampa Email
03 Giu 2012

iginaL' Università degli Studi di Salerno, L'Osservatorio per la diffusione degli Studi di Genere e la cultura delle Pari Opportunità /OGEPO, il Laboratorio di Filosofia e linguaggi delle immagini, il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale/DISPAC, il Dipartimento di Studi umanistici/DIPSUM,  la Facoltà di Lingue e Letterature straniere e laSocietà Italiana delle Storiche/SIS organizzano il
XIV incontro - Immaginario e Studi di Genere. Incontri e letture interdisciplinari

 

IGINA DI NAPOLI
Il teatro di innovazione a Napoli e a Salerno

 

Mercoledì 6 giugno 2012  - ore 10.30

 

 

Introduce: Isabella Innamorati (DISPAC)

Saluti

Raimondo Pasquino Magnico Rettore

Maria Galante Pro-Rettore

Sebastiano Martelli Direttore DIPSUM

Mauro Menichetti Direttore DISPAC

Ileana Pagani Preside Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Intervengono

Pina De Luca (Laboratorio di Filosofia e Linguaggi del’immagini –DISPAC)

Maria Rosaria Pelizzari (OGEPO – DIPSUM-SIS)

_____________________________________________________________________________________

 

L’incontro con Igina Di Napoli segna un’ulteriore tappa nel percorso di approfondimento interdisciplinare intrapreso dall’OGEPO (novembre 2011-dicembre 2012) e in questo caso interseca il campo di interessi del Laboratorio di Filosofia e Linguaggi dell’Immagine coinvolgendo docenti di due Dipartimenti dell’Ateneo salernitano, da sempre particolarmente attento e attivo nel campo delle discipline dello spettacolo contemporaneo.

Igina Di Napoli incontra docenti e studenti per discutere sulle potenzialità del teatro come strumento artistico di rilancio culturale del territorio e di confronto sull’indagine difficile delle identità, delle appartenenze, dei generi. Dopo l’incontro si terrà nel Teatro d’Ateneo, alle ore 15,30, lo spettacolo DonGiovanna di e con Giovanna Giuliani. Lo spettacolo costituisce il prologo ideale della collaborazione tra l’Università di Salerno, il Comune di Salerno e la Fondazione Salerno Contemporanea – Teatro Stabile d’innovazione, per l’avvio delle attività di un Teatro Stabile d’innovazione nella città e nell’Università di Salerno.

Igina Di Napoli è un personaggio centrale nella storia del teatro di innovazione italiano: insieme ad Angelo Montella ha riaperto i battenti dello storico Teatro Nuovo di Napoli (il teatro di Scarpetta, poi di Totò e del debutto come autore di Eduardo) nell’anno terribile del terremoto, il 1980, e proprio nel cuore dei quartieri spagnoli. Fu l’inizio di una sorprendente rinascita teatrale che riportò la città al centro dell’attenzione nazionale e internazionale: furono gli anni della nuova generazione di autori, registi e attori campani, come Annibale Ruccello, Antonio Neiwiller, Enzo Moscato, Toni Servillo, Mario Martone. Per tutti il Teatro Nuovo divenne un indispensabile punto di riferimento e di confronto.

Dirigere il Teatro Nuovo, organizzare e consolidare il lavoro collettivo, coinvolgere personalità della cultura, sapere attrarre sul proprio palcoscenico i grandi artisti della scena nazionale e internazionale, caratterizzare con chiari indirizzi di scelta le stagioni teatrali e i cartelloni, i laboratori, i seminari e i dibattiti: in tutto questo è consistito il lavoro di Igina Di Napoli al Teatro Nuovo fino ad oggi.

 

Segreteria organizzativa: Isabella Innamorati (coordinatrice), Susy D’Arienzo (DAVIMUS), Paolo Fusco (Tecnico DISPAC), Christian Auriello (Tecnico DISPAC), Maurizio Nobili (Tecnico DIPSUM).

 

doveDove: Salerno - Aula 9 Facoltà di Lingue e Letterature straniere

ShareCondividi/Share

Licenza Creative Commons   Questo sito è sottoCreative Commons License. Alcuni diritti riservati.

webdesigner: SABRINA INNOCENTI

Copyright © 2019 www.societadellestoriche.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
o37lc8 - vx2181 - 1su32j - mh951h - ej5jjc - gol9kz - g4je7g - qnls6r