FacebookTwitter

SITI AMICI

DOCUMENTI/COMUNICATI/APPELLI

18 Mag 2013

Dal margine degli studi di genere:

una proposta politica

Le voci di protesta che si sono levate in seguito alla chiusura del corso di “Studi di genere”tenuto da Laura Corradi all’Università della Calabria, stanno facendo finalmente emergere sotto gli occhi di tutte e di tutti un quadro grave e inquietante, che conferma come gli studi di genere siano una questione politica. Tale quadro va letto, a nostro parere, su diversi piani. Innanzitutto è necessario collocare questa vicenda in un orizzonte più generale che riguarda lo stato delle università italiane, dove i criteri del finanziamento pubblico e l’ingresso di forme di finanziamento privato privilegiano alcuni ambiti e oggetti di ricerca e ne marginalizzano, o escludono, altri. In particolare, le facoltà umanistiche sono sempre più penalizzate anche in termini economici rispetto alle facoltà scientifiche, specie se in queste ultime la ricerca verte sulla produzione bellica, sulle nanotecnologie, sugli strumenti tecnologici di controllo sociale.

18 Mag 2013

Cancellati i corsi di storia delle donne in Piemonte
Il censimento in corso promosso da Femminismo a Sud, a partire dall’episodio più recente ed eclatante della chiusura del corso di studi di genere all’Università della Calabria, ci spinge a raccontare la nostra storia. A partire dal 2007-08 e per tre anni la Commissione Pari Opportunità della Regione Piemonte su sollecitazione del Cirsde (Centro Interdisciplinare di Ricerche e Studi delle Donne), ha promosso, sulla base di convenzioni con i Rettori delle Università piemontesi, quattro corsi di “Storia delle donne e di genere”, che sono stati attivati nelle Facoltà di Lettere dell’Università di Torino e dell'Università del Piemonte Orientale (Vercelli), e nella Facoltà di Scienze Politiche dell'Università del Piemonte Orientale (Alessandria) dove abbiamo insegnato come docenti a contratto.

18 Mag 2013

Killing me Softly... Per tre anni non sarà attivato il corso di Politiche di pari opportunità presso il SPGI all’Università di Padova
Alisa del Re

Un po’ di storia.
Nel 2003 il Fondo sociale europeo stanziò dei fondi per le pari opportunità nel Veneto, e una parte arrivò all’Università. In una riunione dei Presidi di Facoltà dell’epoca si cominciò a dibattere su come spendere questi soldi: chi proponeva di attivare dei corsi di inglese, altri dei corsi di informatica (ovviamente con una maggioranza di donne tra i partecipanti). Facevo allora parte del Comitato Pari Opportunità dell’Università di Padova e mi precipitai (letteralmente) non invitata a quella riunione, spiegando che la cosa più utile era attivare dei corsi di Ateneo di Pari opportunità (a crediti liberi). Visto che non si

18 Mag 2013

Studi di genere, “solo 16 atenei coinvolti. E l’87% dei corsi è fatto da donne”.

Presentata all'Università Roma Tre la prima ricerca dettagliata realizzata sul tema dall'Associazione italiana di sociologia da cui emerge che su un totale di 57 atenei pubblici italiani solo in 16 è presente almeno un insegnamento in gender studies.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/05/10/studi-di-genere-mappa-su-57-atenei-pubblici-solo-16-coinvolti-e-l87-e-fatto-da-donne/589236/

 

 

18 Mag 2013

Tesi di laurea di Simona Aravecchia:

Storia delle donne e studi di genere
L’Ateneo di Bologna: un laboratorio di idee e di realizzazioni

Licenza Creative Commons   Questo sito è sottoCreative Commons License. Alcuni diritti riservati.

webdesigner: SABRINA INNOCENTI

Copyright © 2017 www.societadellestoriche.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.